Calendario 2007


31 luglio: Fortepiano e Arpa

10 agosto: Violino e organo

17 agosto: Soprano e chitarra

22 agosto: Soprano e pianoforte

24 agosto: Controtenore e clavicembalo

31 agosto: Arpa


10 agosto, 21:00
Chiesa di S. Giorgio, Varenna

 

Costance Frei (violino) , Andrea Macinanti (organo)

PROGRAMMA: OLD AND NEW

Oreste Ravanello (1871 - 1938): Sonata per organo in re minore (Allegro giusto, Canzone, Toccata Finale)
Georg Friedrich Händel (1685 - 1759): Sonata in La maggiore op. 1 n. 14 (Andante, Allegro, Adagio, Allegretto), realizzazione di Marco Enrico Bossi, 1892
Johann Sebastian Bach (1685 - 1750): Preludio al Corale: O Mensch, bewein’ dein Sünde groß BWV 622
(trascrizione di Marco Enrico  Bossi, post.)
Tomaso Vitali (1663c. - 1745c.): Ciaccona per violino e organo (realizzazione di Ottorino Respighi, 1911)
Georg Friedrich Händel: Adagio (dal Concerto op. 4 n. 3 per organo e orchestra), Andante variato (dal Concerto op. 4 n. 1 per organo e orchestra), trascrizione per organo solo di Marco Enrico Bossi
Giovanni Battista Paisiello (1740 - 1816): Sonata in Mi maggiore (Allegro, Largo, Allegro), realizzazione di Marco Enrico Bossi, 1891


I MUSICISTI


Constance Frei
nata a Ginevra nel 1973, ha compiuto la sua formazione musicale studiando violino (con Liliane Romano e Corrado Romano) e Pianoforte (con Bahar Dördüncü). Ha inoltre frequentato l’università della sua città, laureandosi con menzione nel 2001. Assistente di Etienne Darbellay (Dipartimento di musicologia / Università di Ginevra), sta attualmente terminando la tesi di dottorato con uno studio sull’articolazione e sull’ornamentazione nella letteratura violinistica italiana del XVII secolo. Ha suonato in varie formazioni (orchestra, quartetto, duo con pianoforte) e ha insegnato violino dopo aver conseguito il diploma della Società Svizzera di Pedagogia Musicale.
In qualità di musicologa, ha collaborato alla realizzazione di varie edizioni critiche pubblicate in Italia da Suvini Zerboni (Biagio Marini Sonate, symphonie, canzoni op. 8, Girolamo Frescobaldi Il primo libro di Canzoni per ogni sorte di strumenti, 1628-1635 e Canzoni alla Francese in Partitura libro quarto 1645); è stata più volte invitata a tenere conferenze e a condurre trasmissioni radiofoniche. In qualità di assistente, è attualmente docente di Musicologia all’Università di Ginevra. Componente della direzione artistica dei Concerts Spirituels de Genève, ha curato l’organizzazione di numerosi concerti nei luoghi storici della sua città. Si interessa attivamente di registrazione e in qualità di tecnico del suono, ha collaborato a numerose registrazioni realizzate dalla Radio Suisse Romande Espace2.


Andrea Macinanti
nato a Bologna nel 1958, si è diplomato in Organo, Clavicembalo e Canto ai Conservatori di Bologna e di Parma perfezionandosi poi con Klemens Schnorr a Monaco di Baviera.
È stato scelto per rappresentare Bologna, capitale della cultura 2000, nell’ambito del Festival di Reykjavik (Islanda). Tiene corsi di perfezionamento sulla musica italiana alle Accademie estive di Nemours, Issenheim (Francia) ed è membro di varie giurie in concorsi internazionali.
È docente di Organo e Canto Gregoriano al Conservatorio «G.B. Martini» di Bologna.
Ha inciso vari CD tra i quali hanno riscosso particolare apprezzamento di critica quello a due organi (con Francesco Tasini) e quelli per la TACTUS, dedicati all’Opera Omnia per Organo di Ottorino Respighi e alle opere organistiche inedite di Marco Enrico Bossi.
Assieme a F. Tasini, ha curato numerose revisioni critiche, tra le quali i Fiori Musicali di G. Frescobaldi, l’opera integrale per tastiera di A. Scarlatti e di G.B. Martini (UT ORPHEUS), un’antologia in sei volumi di musica italiana per organo, l’Opera Omnia Organistica di M.E. Bossi (con L. Salvadori, W. Van de Pol, F. Tasini) e uno studio sull’analisi e l’interpretazione dei Trois Chorals di Franck (CARRARA); dal 1994 è codirettore editoriale della rivista «Arte Organaria e Organistica».
È membro dell’Accademia Filarmonica di Bologna e del Royal College of Organists di Londra e dal 1988 direttore artistico della rassegna concertistica internazionale «Organi antichi, un patrimonio da ascoltare».
Alla pratica della musica unisce, in unica armonia spirituale, quella del Karate (è tecnico federale della FIJLKAM). Nel marzo del 2005 ha suonato alla Musashino Hall di Tokyo.
Nel 2005 è stato insignito del titolo di Cavaliere dell'Ordine «Al Merito della Repubblica Italiana».

 

©2006 Associazione Amadeus Arte